Blue Film

La farina gialla e la patata blu

La farina gialla e la patata blu
  • Regia:

    Sergio Tau

  • Produttore:

    Alessandro Bonifazi

  • Produzione:

    Blue Film

    in collaborazione con
    Rai 3

  • Fotografia:

    Antonio Covato

  • Montaggio:

    Eleonora Marino
    Valeria Biclungo

  • Musica:

    Fabrizio Fornaci

Sinossi

Per scongiurare le carestie arrivò dal Sud America il granturco. la farina gialla del mais, cucinata senza conoscere i segreti degli indigeni americani, provoco' in queste valli la terribile pellagra da cui si salvarono solo i carbonai perche' la loro ricetta era piu' ricca. Loro la mangiavano accompagnata da formaggio, salsiccia e vino, conosciuta come "polenta carbonera". nell'antico borgo di Storo, nella Valle del Chiese, gli abitanti mettono a seccare, ancora oggi, le pannocchie di granturco in grandi festoni sulle facciate dei palazzi. A 1000 mt di altezza, nel paese di Sfruz nella Val di Non, il granturco non cresce. Nello stemma del comune c'è un fiore, quello della patata. I 300 abitanti, antichi costruttori di stufe, coltivano vari tipi di patate, ognuna con proprieta' e curiosita' diverse. Ma solo a Margone di Vezzano cresce la patata blu. Un emigrante di ritorno dalla Svezia la semino' nel suo podere sopra la Valle dei Laghi, oltre Castel Toblino. Qui la chiamano la "Patata Blu di Svezia", "Bla Kongo", che in svedese vuol dire semplicemente 'patata blu'. Studiosi dell'enorme varieta' di patate trentine sono i membri togati in rosso dell'antica Arciconfraternita del Tortel di Patate.

Scheda Tecnica

Genere - documentario
Stato - Terminato